books - ELASTIC Group of Artistic Research

Go to content

Main menu:

books

BOOKS

 

A selection of books about ELASTIC Group of Artistic Research, Public Video Art, New Media.

" ELASTIC Group of Artistic Research has been proposing many Public Video Art Installations on both historical and modern sites with success for more than fifteen years on the international artistic scene. As pioneers of this new art of the XXI century they are authors of the book Moving Layers: Contextual Video in Art & Architecture ( Edilstampa, IT Revolution in Architecture, 2006 italian version, 2014, english version ) in which they have coniated terms as Public Video Art, Videoarchitecture, Videocreature, Videometamorphosis, Videosophy... "

" Video art, in its evolution from its site specific (installations in closed spaces) origins, has gradually transferred itself outside, overlapping architecture and creating a new type of public art -Public Video Art- that has become increasingly more relevant" ( Alexandro Ladaga & Silvia Manteiga, Moving Layers: Contextual Video in Art and Architecture, Edilstampa, 2014 )

___________________________________________




127kBdiarte, ELASTIC Group of Artistic Research, Psiche e Aurora editore, 2015.


"127kBdiarte è il saggio dell'uomo di oggi - io, tu, noi - che vuole riflettere sul caso arte contemporanea, non più chiuso nella stanza accanto alla stufa di Kant, ma in una moderna agorà: la rete. Nato da una esperienza connettiva (un "weblog" in cui gli autori si interrogano e gli internauti rispondono), 127kBdiarte è anche il libro di tutti noi, perché non si vuole un lettore passivo ma un co-scrittore, il quale, stimolato da domande/risposte, continua a farlo vivere e crescere. Occorre dunque munirsi di matita o penna per riempire gli spazi vuoti. Questo non è un volume da leggere, ma da pensare e fare: plug & play."

_______________________________________________



Moving Layers Contextual Video in Art and Architecture, Alexandro Ladaga & Silvia Manteiga, Edilstampa, IT Revolution in Architecture, Series edited by Antonino Saggio, Roma, 2014.


"A book leader on Public Video Art and New Media on Art and Architecture. The book explores the stratified language of the electronic image and its ability to redefine architectonic space, giving it new meaning. From the prehistory and genetics of Video Art to the origins of video installations, site specific installations, interactive environments and Public Video Art, all the way to the applications of advanced technology in the new media."


_______________________________________________


Strati mobili: video contestuale nell'arte e nell'architettura, Alexandro Ladaga & Silvia Manteiga, Edilstampa, IT Revolution in Architecture, Series edited by Antonino Saggio, Roma, 2006.

" Le opere di ELASTIC Group, nella loro evidenza plastica sono una distesa aperta, imprendibile. Una pianura su cui scorrono, senza posa intuizioni, figure. Attraversiamo una penisola liquida, fluttuante, tra ambigue apparizioni e passaggi improvvisi, senza approdi certi. Benvenuti in un mondo elastico. In un cyberspazio che, -per riprendere le parole del Gibson di Neuromancer- somiglia a "un'allucinazione consensuale", rivolta a individuare quel punto in cui i media confluiscono insieme e ci circondano. " (Vincenzo Trione)



_______________________________________________



L'arte fuori dal museo, a cura di Elisabetta Cristallini, Gangemi editore, Roma, 2008


" Oggi il coinvolgimento del pubblico e la sua partecipazione al farsi dell'opera è condizione comune a gran parte del "arte fuori dal museo": la new media art proprio per suo statuto è interattiva -pensiamo alle immagini architettoniche del Elastic Group, alle piattaforme di Lozano-Hemmer o alle proiezioni di Krzysztof Wodiczko... " (Elisabetta Cristallini)


_______________________________________________


TUSCIAELECTA, ARTE CONTEMPORANEA NEL CHIANTI 1996-2010, AA VV, Quodlibet, Firenze, 2010.

" Le maglie invisibili che tengono uniti il corpo, la città e l'info-sfera dell'informazione, sono restituite nelle opere con immagini e suoni elaborati e incarnati nelle forme più varie. Installazioni pubbliche e site-specific, perfomance, ambienti digitali, video-creature, sono alcune delle modalità con le quali i due artisti esternano -attraverso un processo empatico ed evocativo- la loro ricerca trasversale tra arte e filosofia. Le tecnologie impiegate diventano protesi del corpo, occhio attraverso cui osservare, definire e restituire realtà filtrate dal mezzo, proprio come il sociologo canadese Marshall McLuhan aveva anticipato negli anni Sessanta. " (Elena Giulia Rossi)

_______________________________________________



Arte ipercontemporanea, un certo loro sguardo, Simonetta Lux, Gangemi, Roma, 2006.

" Gli ELASTIC Group of Artistic Research, Alexandro Ladaga & Silvia Manteiga, sulla base di un'integrazione tra riflessione filosofica e ricerca letteraria, messe in opera grazie alla padronanza del mezzo video e delle nuove tecnologie digitali, realizzano installazioni sitespecific ed un nuovo tipo di racconti digitalvideo, nei quali si tratificano "immaginificamente" le molteplici tracce della nostra percezione del reale (siano esse visioni urbane ed architettoniche o gesti quotidiani). Il mondo reale, il soggetto del fare e gli oggetti dello sguardo, vengono investiti da un processo di immagine elttronica creativa e attraverso la metamorfosi elettronica dell'immagine e un uso mirato della sintesi della video-arte ritornano alla luce come "videocreature". Uomini e contesti reali, le cui immagini video digitali ed azioni vengono stravolte/alterate/mutate, vengono rese puramente virtuali, acquistano una sorta di nuova vita artificiale. " (Simonetta Lux)



_______________________________________________


Ars Hypermedia, edited by Giulio Lotti/Simultaneità, New York, 2009.

" Francesca Ezzelino: A lot of your work speaks of the connection between a person and the city, quite often under a mapping form. Is this a way to emphasize the fact that this relationship is in constant change? E.G.A.R.: For us the citizen-city relationship is fundamental. The citizen makes the city as the public makes art. Mapping the contemporary city, whether a metaphorical city (Amniotic city) or a real city (Subliminal Wien) means to walk through its streets, speak its enciphered code, to interpret, to translate. A true explorer is not only the one who arrives first, but also one who is able to communicate with diversity, and able to analyze it with new eyes. They see the view from above, the view from below, the view at ground level; God, ant, mankind. "

_______________________________________________


VHS: SP 2h, edited by E.G.A.R, Venezia, 2011.

" Video in conserva: 2 ore di video materico per raccontare metricamente e magneticamente i flussi dell'antica città analogica. La Biennale di Venezia racchiusa in scatola. " (E.G.A.R.)

_______________________________________________


Schermi urbani. Tecnologia e innovazione, nuovi sistemi per le facciate mediatiche, Katia Gasparini, Wolters Kluwer, Torino, 2012.


CASE HISTORY: L'esperienza progettuale di ELASTIC Group of Artistic Research
" Immaginiamo la Nuova Città come una città segnata dall'immaterialità, una dreamcity invisibile, uno streamingflow, flusso di immagini in permanente trasformazione, divenire multimediatico. Contro una città che si restringe vogliamo una città che si espande, elasticamente, collegandosi a tutti i punti del pianeta; una città che smette di essere città-fantasma, telaio senza fili, per uscire fuori da sé ed espandersi, con un imperativo bisogno di diventare performativa e diventare fabbrica-elettronica, laboratorio media-globale trasmettitore di input mediatici. "



_______________________________________________


SCREENCITY - Media Environment - New technologies and tools for built environment communication and valorization, Katia Gasparini, Knemesi Publisher, 2012.

Media-Environment: innovation and valorization of the Architecture.
" At IUAV university of Venice, ELASTIC Group presented the most recent and interesting projects and installations concerning the valorization of the historical architecture at national and international level. Elastic Group of Artistic Research is author of many Public Art projects and media environmental video installations of great emotional impact that reflect on the physical and conceptual elasticity of video surfaces, whether architecture or virtual grids of the sphere of the network.2 " (Katia Gasparini)

_______________________________________________


MLAC index 2000-2012, Simonetta Lux, Gangemi, Roma 2013

Multimedia/Fotografia/Video/Digitale.
" La svolta digitale della seconda metà degli anni Novanta, con la diffusione definitiva di Internet, la democratizzazione dell'accesso ai nuovi strumenti digitali per la produzione e distribuzione di contenuti, la possibilità di opera d'arte totale finalmente realizzata nella sintesi digitale, hanno trovato nelle due sale del Museo Laboratorio un territorio di sperimentazione per il quale in poco più di un decennio sono passati molti degli artisti, curatori, film makers, sperimentatori, pensatori che si sono dimostrati -nell'ultimo decennio- attori essenziali di una storia che deve ancora essere narratta. " (Lucrezia Cippitelli)



_______________________________________________


Dentro la Trasfigurazione. Il dispositivo dell'arte nella cibercultura, Luisa Valeriani, Meltemi editore, Roma, 2004.

Smart.comm
" Elastic Group of Artistic Research può essere considerato nell'artscape un soggetto esemplare [...] Nelle loro mani il video, i suoni e le strumentazioni digitali diventano propriamente gli strumenti del bricoleur postfordista, che riassembla non a partire da un'idea mentale precostituita di sintesi, ma progettando al presente, a seconda di come le cose stesse (architetture reali, video-creature, ambienti digitali) si impongono empaticamente al loro fare. " (Luisa Valeriani)

_______________________________________________


ATLANTE LUISS 2005. Quattro scenari per il futuro, AAVV, Luiss university Press, Roma, 2005.

" Il mondo è sempre più integrato, le barriere spaziali sono sempre più relative: un evento che ha corso in una parte del globo trova subito eco e rispondenza in ogni altro luogo del mondo. E', quella nostra, l'epoca della globalizzazione: dell'interdipendenza dell'economia e della finanza, ma anche dell'informazione e della comunicazione. Ognuno di noi è, volente o nolente, un cittadino del mondo, un abitante del cosiddetto villaggio globale. " (Luca Cordero di Montezemolo)

" Ci troviamo in un periodo di mezzo, viviamo in un periodo transitorio di Attesa. " (Daryush Shayegan)


_______________________________________________


LuxFlux proto-type arte contemporanea, AAVV, Gangemi editore, Roma, Aprile 2006.

" Il sito www.elasticgroup.com è parte integrante del loro percorso artistico. Oltre a presentare i lavori realizzati, è un'opera interattiva multimediale. Il sito è formato da moti link e aree sensibili che permettono di accedere alla visione di video, performance, installazioni e nuovi progetti. Le immagini si muovono costantemente: personaggi che fluttuano, creature elastiche in continuo movimento ora si moltiplicano, ora scompaiono per poi riapparire. E' quindi anche molto divertente da visitare; personalmente gli do un 10 e lode per la usability. " (Giorgia Calò)


_______________________________________________


ATLANTE LUISS 2006. Quattro scenari per il futuro, AAVV, Luiss university Press, Roma, 2006

" Di fatto, in anni recenti si è osservata una crescente tendenza ad esprimersi in favore di politiche di riduzione della povertà basata sull'idea che tali politiche siano il mezzo più sicuro per prevenire violenze e agitazioni politiche. Fondare una politica (a livello nazionale e internazionale) su questo terreno è molto invitante, in quanto fornisce un argomento molto potente per spostare ingenti risorse pubbliche in favore di una politica per l'eliminazione della povertà sulla base dei suoi presunti benefici politici, sviando però l'attenzione dalle ragioni prettamente economiche che dovrebbero indurci all'attuazione di tali politiche. " (Amartya Sen)

" Ma una rabbia ben indirizzata è una forza che può rivoluzionare le cose, e sta a noi controllare la nostra rabbia contro l'ingiustizia per creare, grazie ad essa, le condizioni per un cambiamento." (Kerry Kennedy)



_______________________________________________


Artport, AAVV, Fringe, Firenze 2001.

" L'arte è il segno distintivo di una città, di una comunità: ne è l'anima più profonda, il segno che lascia il suo tratto nei decenni e nei secoli. La cultura contemporanea è multidimensionale, interetnica, multiculturale per definizione. E' contaminazione, ma anche velocità, passaggio, eterno ritorno e eterna ripartenza. Le nuove città sono una rete per definizione. Una rete di rapporti, relazioni, interscambi. Uno spazio culturale che si costruisce all'interno di un rapporto: quello con la storia e con la tradizione. Con la capacità di rappresentare il nuovo, senza negare ciò che è stato. " (Leonardo Domenici, Sindaco di Firenze)

_______________________________________________


ATLANTE LUISS 2007, Tre scenari per il futuro, AAVV, Luiss university press, Roma, 2007.

" Le risposte intolleranti alle attuali trasformazioni del mondo sono pericolossissime e barbariche e ostacolano gravemente -con chiusure d'ogni genere- questo processo di formazione di una nuova e più autentica universalità. " (Claudio Magris)

" Se vogliamo essere in grado di vivere vite da persone adulte, consapevoli e critiche, è necessario esservi educati, il che presuppone che la nostra educazione ci istruisca sulle cose certe e che ci esponga quelle su cui v'è ancora incertezza. " ( Alan Ryan)



_______________________________________________


ATLANTE IILA, Scenari per il prossimo futuro, Istituto Italo-Latino-Americano, Roma, 2006.

_______________________________________________



 
Back to content | Back to main menu